Tra storia e spiritualità: Škofjeloški pasijon

Škofja Loka, una delle cittadine più antiche della Slovenia, nonché una delle più belle, con il suo castello e le variopinte dimore cinquecentesche, ogni sei anni diventa il palcoscenico dello Škofjeloški pasijon More »

C’era una volta… Viaggio nel tempo al castello di Tuštanj

C’era una volta un giovane giardiniere, arrivato dalla campagna a lavorare in un castello. Nonostante la sua giovanissima età, faceva il suo mestiere con tanto amore e diligenza da far innamorare la More »

Cuore, tradizione e comunità: il carnevale di Drežnica

Non eravamo mai stati a Drežnica, un minuscolo paesino ai piedi del monte Krn. Cosa ci ha spinti fino a lì? L’anno scorso il governo della Repubblica di Slovenia ha proclamato il More »

Javorca, sui sentieri della grande guerra

La valle dell’Isonzo/Soča è indissolubilmente legata alle vicende della prima guerra mondiale, la grande guerra, che proprio lungo questa splendida vallata fu particolarmente cruenta, con l’esercito italiano e quello di casa, l’Austria-Ungheria, a combattersi More »

Gostilna Mlinar – Spodnja Idrija

MiKI,Se visitate Idrija e dintorni, non potete non assaggiare la specialità locale: gli žlikrofi. Se volete mangiare degli žlikrofi eccezionali, non potete non fare un salto alla trattoria “Gostilna Mlinar” a Spodnja More »

 

Tra storia e spiritualità: Škofjeloški pasijon

Škofja Loka

Škofja Loka, una delle cittadine più antiche della Slovenia, nonché una delle più belle, con il suo castello e le variopinte dimore cinquecentesche, ogni sei anni diventa il palcoscenico dello Škofjeloški pasijon – la Passione di Škofja Loka, in latino Processio Locopolitana. Scritta tra il 1715 e il 1721 dal padre francescano Romuald (Lovrenc Marusič), originario di Sant’Andrea/Štandrež in provincia di Gorizia, è il testo teatrale più antico in lingua slovena, nonché il più antico libro di regia interamente conservato di tutta Europa.

C’era una volta… Viaggio nel tempo al castello di Tuštanj

Tuštanj

C’era una volta un giovane giardiniere, arrivato dalla campagna a lavorare in un castello. Nonostante la sua giovanissima età, faceva il suo mestiere con tanto amore e diligenza da far innamorare la contessa, che lo sposò, nonostante l’opposizione della famiglia.

No, non è una fiaba, ma una storia vera, quella del castello di Tuštanj, a circa 25 km da Ljubljana.

Cuore, tradizione e comunità: il carnevale di Drežnica

Drežniški pust

Non eravamo mai stati a Drežnica, un minuscolo paesino ai piedi del monte Krn. Cosa ci ha spinti fino a lì? L’anno scorso il governo della Repubblica di Slovenia ha proclamato il carnevale di Drežnica (Drežniški pust) come vivo capolavoro del patrimonio culturale nazionale. Il team di slovely.eu, da sempre a caccia di particolarità etnografico-culturali, non ha potuto esimersi dall’andare a conoscere dal vivo questa tradizione così antica e molto sentita dagli abitanti di Drežnica.

Javorca, sui sentieri della grande guerra

Javorca

La valle dell’Isonzo/Soča è indissolubilmente legata alle vicende della prima guerra mondiale, la grande guerra, che proprio lungo questa splendida vallata fu particolarmente cruenta, con l’esercito italiano e quello di casa, l’Austria-Ungheria, a combattersi senza tregua per lunghi anni. Sulle alture di Tolmin, nella località chiamata Javorca, i soldati austro-ungarici costruirono una cappella in memoria dei loro caduti che è sopravvissuta all’orrore di due guerre mondiali e ancora oggi resta testimone di pace in una terra tanto travagliata.

Gostilna Mlinar – Spodnja Idrija

mlinar trsi zlikrofi

MiKI,Se visitate Idrija e dintorni, non potete non assaggiare la specialità locale: gli žlikrofi. Se volete mangiare degli žlikrofi eccezionali, non potete non fare un salto alla trattoria “Gostilna Mlinar” a Spodnja Idrija. Perché? Perché qui troverete žlikrofi fatti a mano con estrema cura, seguendo il procedimento tradizionale, con un ripieno dall’aroma perfettamente bilanciato e una varietà di condimenti difficile da trovare altrove.