Category Archives: Letteratura

Tra storia e spiritualità: Škofjeloški pasijon

Škofja Loka

Škofja Loka, una delle cittadine più antiche della Slovenia, nonché una delle più belle, con il suo castello e le variopinte dimore cinquecentesche, ogni sei anni diventa il palcoscenico dello Škofjeloški pasijon – la Passione di Škofja Loka, in latino Processio Locopolitana. Scritta tra il 1715 e il 1721 dal padre francescano Romuald (Lovrenc Marusič), originario di Sant’Andrea/Štandrež in provincia di Gorizia, è il testo teatrale più antico in lingua slovena, nonché il più antico libro di regia interamente conservato di tutta Europa.

Sulle orme di Valvasor: Grad Bogenšperk

Grad Bogenšperk

Janez Vajkard Valvasor è stato senza ombra di dubbio uno dei personaggi storici sloveni più importanti e affascinanti. Vissuto nella seconda metà del ‘600, di nobili origini, è stato scienziato, studioso, scrittore e ricercatore, ma anche soldato e grande viaggiatore: per quell’epoca davvero qualcosa di straordinario! A lui è strettamente legata la storia del Grad Bogenšperk, uno dei castelli più famosi della Slovenia, dove il grande Valvasor visse per quasi vent’anni.

La creatività delle Dolenjke

Rož'ce

Durante la nostra visita al santuario di Nova Štifta nella Dolenjska, in una bella mattinata di fine giugno, mentre ci stavamo arrampicando sulla casetta costruita su uno dei tigli ultracentenari che crescono di fronte alla chiesa, la nostra attenzione è stata attratta da un canto che proveniva proprio da sotto l’albero. Voci femminili, probabilmente non giovanissime, ma forse per questo ancora più profonde e toccanti, che intonavano armoniosamente la canzone tradizionale “Lipa zelenela je” (“Il tiglio verdeggiava”), un inno al tiglio e ai suoi possenti rami pieni di fiori profumati. Inutile dirlo, le signore non avrebbero potuto scegliere canzone più appropriata in quel momento: le note e il testo descrivevano perfettamente le sensazioni che si provavano immersi nell’ombra di questo meraviglioso gigante verde.

France Bevk

famiglia di Bevk

Proseguiamo il nostro cammino nella letteratura slovena, iniziato assieme ad Alojz Gradnik, parlando di un altro autore dei primi del ‘900 che sentiamo particolarmente vicino, avendo vissuto gran parte della sua vita nel goriziano: France Bevk.

France Bevk nacque il 17 settembre 1890 in una modesta famiglia di contadini a Zakojca pri Cerknem, in una zona montuosa dell’Alto Isonzo. Quando compì 17 anni si trasferì a Gorizia, dove per qualche tempo fece l’apprendista. In seguitò studiò e si diplomò presso l’Istituto magistrale locale. Dopo la maturità lavorò come insegnante in varie scuole del Litorale sloveno, fino al 1917 quando fu chiamato a prestare servizio come soldato nel Fronte Orientale. Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale si trasferì a Ljubljana, dove lavorò come giornalista.

O Vrba!

France Prešeren

E’ solo un piccolo paese di nemmeno duecento abitanti, uno dei dieci abitati che formano il comune di Žirovnica, nella Gorenjska (Alta Carniola), ma Vrba è, per ogni sloveno, un luogo speciale dove prima o poi tutti andranno, almeno una volta nella vita, a rendere omaggio a France Prešeren, l’eroe principe della letteratura slovena, il poeta triste, mai ricambiato nel suo eterno amore per Julija.