Saline di Sicciole

Le meraviglie delle Saline di Sicciole, tra oro bianco, natura incontaminata e relax

Il sale è il mare che non ha potuto fare ritorno al cielo.” Questa frase poetica è lo slogan di Piranske soline – le Saline di Pirano, che fanno parte del Parco Naturale delle Saline di Sicciole (Krajinski park Sečoveljske soline). In questo luogo dalla bellezza unica si sono conservate le ultime saline della costa adriatica nordorientale attive fino ad oggi.

Un tempo, infatti, nel Golfo di Trieste e sulla costa istriana erano attive numerose altre saline, che per secoli hanno influenzato l’economia e la vita delle cittadine che vi si affacciavano. Tra tutte queste, solo le saline di Sečovlje/Sicciole, assieme a quelle di Strunjan/Strugnano, continuano a esistere e a produrre sale con i metodi tradizionali tramandati dal lontano passato.

Nelle saline di Sicciole si usano ancora i metodi di lavorazione tradizionali.
Nelle saline di Sicciole si usano ancora i metodi di lavorazione tradizionali.

Le bellezze del parco naturale delle saline

Il Parco Naturale delle Saline di Sicciole si trova nell’estremo lembo sudoccidentale del territorio sloveno, a ridosso del confine con la Croazia, e si estende per circa 750 ettari. La parte meridionale, chiamata Fontanigge, ha oggi la funzione di museo all’aperto: qui la produzione del sale è stata abbandonata negli anni sessanta del secolo scorso, ma si possono ancora ammirare i canali, gli argini, i bacini per l’evaporazione e le vecchie case in pietra dei salinai. È un luogo molto suggestivo dove fare rilassanti passeggiate e scattare splendide foto in tutte le stagioni dell’anno.

All'interno delle saline di Sicciole.
All’interno delle saline di Sicciole.

Nonostante l’ambiente non proprio ospitale per la vegetazione, sul terreno delle saline crescono numerose piante cosiddette “alofite”, che “amano il sale” e necessitano di una notevole concentrazione salina del terreno. Tra le altre piante troviamo l’assenzio marino, detto “santonego” in dialetto, utilizzato per fare un buon liquore digestivo, e il limonio dai bei fiorellini viola.

Le saline di Sicciole sono ancora oggi un luogo di lavoro, con i metodi tradizionali.

Il parco naturale è il luogo ideale per gli amanti del birdwatching: qui, infatti, sono state registrate ben 272 specie di uccelli, che utilizzano le saline come area di sosta durante la migrazione o come sito per svernare.

Le saline sono l'habitat ideale per numerose specie di uccelli.
Le saline sono l’habitat ideale per numerose specie di uccelli.

La sezione nord del parco, chiamata Lera, è la parte dove viene ancora prodotto il sale. Qui si trova il centro visitatori, con tabelloni informativi sul sale, le saline e i salinari, e un grande plastico delle saline. Nella adiacente sala con 60 posti a sedere è possibile assistere alla proiezione di filmati sulla storia delle saline di Sicciole.

Percorsi per i turisti, rigorosamente a piedi, costeggiano le vasche di raccolta del sale.
Percorsi per i turisti, rigorosamente a piedi, costeggiano le vasche di raccolta del sale.

Non manca l’occasione per fare shopping: nell’ex casa del guardiano è stato allestito il negozio “Lera”, dove è possibile acquistare il sale di Pirano DOC (Piranska sol), vari prodotti a base di sale di Pirano (come l’ottimo cioccolato fondente dal sapore insolito) e il fior di sale, il prodotto più prezioso delle Piranske soline, considerato dagli intenditori tra i migliori sali marini al mondo.

All'interno del fornitissimo negozio delle saline di Sicciole.
All’interno del fornitissimo negozio delle saline di Sicciole.

L’oro bianco, dono del mare

Il sale di Pirano non è un sale qualsiasi: è bianchissimo, pur non essendo raffinato industrialmente, e fa meno sete rispetto ad altri tipi di sale. Come mai? A svelarcelo è Klavdij Godnič, direttore di Piranske soline:

“Il nostro sale Piranska sol viene tutt’oggi prodotto con un metodo tramandato da oltre 700 anni. Come fa ad essere così bianco? È grazie alla “petola”, un particolare biosedimento che impedisce al fango di penetrare nel sale. È uno strato molto delicato, dello spessore di pochi millimetri, e i salinai devono fare molta attenzione a non rovinarlo, ne andrebbe del raccolto.”

Il bianchissimo sale di Pirano!

Rispetto agli altri sali del mondo, il sale Piranska sol contiene meno cloruro di sodio e circa il 5% di altri minerali, il che lo rende meno “salato”. Ci racconta ancora Klavdij Godnič:

“Il nostro sale è conosciuto ormai in tutto il mondo, lo esportiamo in Cina, Giappone, USA. Da anni il nostro fior di sale è presente sulle tavole della corte imperiale giapponese.”

Mucchietti di sale pronti per essere raccolti.
Mucchietti di sale pronti per essere raccolti.

La stagione della raccolta del sale inizia a fine giugno e dura per tutta l’estate. L’acqua di mare viene convogliata tramite appositi canali nei bacini per l’evaporazione e infine in quelli per la cristallizzazione. In media il raccolto è di 2500 tonnellate all’anno.

L’esperto salinaio Osman Dedičić al lavoro nelle “sue” saline.

Un bravo salinaio riesce a raccogliere fino a 3 tonnellate al giorno. È un lavoro duro, fatto interamente a mano, con un rastrello di legno e calzando rudimentali zoccoli, come si faceva secoli fa. Eppure è un lavoro che dà anche grandi soddisfazioni, come ci racconta Osman Dedičić, un simpatico salinaio che ci ha accompagnati alla scoperta delle saline.

L’arte del salinaio, tutto rimasto com’era un tempo, zoccoli inclusi!

“Lavoro qui da 11 anni, prima facevo un altro mestiere. Sarei già potuto andare in pensione, ma mi piace troppo questo lavoro.”

Sara e Osman dopo aver raccolto il fior di sale nelle saline di Sicciole.
Sara e Osman dopo aver raccolto il fior di sale nelle saline di Sicciole.

E in effetti si capisce che ama il suo lavoro da come gli si illumina lo sguardo quando ci racconta con orgoglio delle sue vasche (ogni salinaio ne gestisce 24, per circa 3400 metri quadri di superficie), di com’è bianco e pulito il sale che raccoglie, e di quanto è buono da mangiare il fior di sale.

Tante sono le vasche di Osman, tutte da lavorare a mano, sotto il sole estivo.

Un po’ scettici, ci avviciniamo a Osman che ci porge il fior di sale appena raccolto. È un sottilissimo strato di cristalli che si forma in superficie solo se l’acqua e calma e non c’è vento, come uno strato di panna sopra il latte. E infatti Osman lo raccoglie con una retina, come se fosse panna, e ce lo porge da assaggiare. Effettivamente è buonissimo! Del resto, gli imperatori giapponesi l’hanno capito da tempo…!

Il prezioso e buonissimo "fior di sale" raccolto dalle esperte mani di Osman!
Il prezioso e buonissimo “fior di sale” raccolto dalle esperte mani di Osman!

Relax esclusivo tra le saline

Non solo sale. O meglio: sale, sì, ma non solo da mangiare! Nelle saline di Sicciole si nasconde una piccola oasi di benessere, il Thalasso Spa Lepa Vida. Unico nel suo genere, con strutture interamente in legno e immerso nella natura, offre ai propri ospiti trattamenti di talassoterapia come massaggi, impacchi con fanghi salini e scrub con sale marino. A disposizione degli ospiti ci sono una piscina grande con acqua di mare, vasche più piccole con acqua madre e il percorso di piscinette Kneipp per riattivare la circolazione.

Lepa Vida, un luogo di relax e benessere circondato dal sale!
Lepa Vida, un luogo di relax e benessere circondato dal sale!

“Abbiamo tanti clienti affezionati, specialmente dall’Italia. Dopo aver scoperto il nostro Thalasso Spa ci tornano puntualmente ogni anno,”

Relax e piscine con acqua madre al Lepa Vida nelle saline di Sicciole.

racconta Ivana Mijatovič, responsabile vendite e marketing di Lepa Vida. In effetti è difficile non innamorarsi di quest’oasi di relax immersa nei campi di sale, dove godersi trattamenti benessere all’aperto osservando aironi e garzette che ogni tanto fanno capolino tra i canneti.

La grande piscina con acqua di mare del centro benessere Lepa Vida. Saline di Sicciole
La grande piscina con acqua di mare del centro benessere Lepa Vida.

Per rinfrescarsi e bere qualcosa all’interno della spa c’è un piccolo bar all’aperto, dove è possibile anche acquistare i prodotti di bellezza Lepa Vida a base di sale Piranska sol.

Relax con vista sulle saline, ma anche percorso Kneipp a centro Lepa Vida.

Video reportage

Nel nostro video-reportage vi facciamo fare una passeggiata virtuale nello spa Lepa Vida e tra i campi di sale assieme ai salinai, a raccogliere l’oro bianco come si faceva secoli fa.

Sara Terpin

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento